mercoledì 19 agosto 2015

Cinque passi per la guarigione emozionale














Siamo in piena estate e la stagione ci porta verso l’esterno a frequentare più persone, siamo più disponibili ai rapporti interpersonali e se non abbiamo un equilibrio emozionale possiamo vivere questa opportunità con molta difficoltà, infatti se non abbiamo lavorato sulle nostre ferite emozionali queste possono tornare alla “ ribalta” creando dei rapporti disfunzionali con gli altri.
Arrivare alla comprensione che dobbiamo guarire noi stessi prima di guarire il mondo è un atto di estrema umiltà ma anche di potere, la consapevolezza è il primo passo, dobbiamo comprendere cosa c’è da guarire prima di farlo.

Cambiare atteggiamento di fronte allo stesso problema ci dà potere, un grande potere da utilizzare proprio qui ed ora, infatti attraverso le relazioni con gli altri noi abbiamo l’opportunità di lasciare andare il dolore passato che ci ha impedito di vivere appieno la nostra vita.
Quindi invece di dare la colpa agli altri, dobbiamo lavorare su noi stessi e sull’origine della problematica, per poi lasciarla andare.

Facile da dirsi e difficile da farsi, direte voi, ma niente è impossibile se voi siete decisi a farlo, in questo articolo vi guiderò  attraverso 5 semplici passi verso l’autoguarigione emozionale, allacciate le cinture si parte!

1)      Cambiate prospettiva!
Quindi vedete la cosa da un altro punto di vista, perchè non siete responsabili delle parole e delle azioni degli altri, ma soltanto delle vostre!
Quindi non prendete niente a livello personale, gli altri hanno il proprio fardello emozionale e qualche volta non vedono l’ora di liberarsene, usate il vostro potere nel rispondere senza creare ulteriori conflitti!

2)      Non fate supposizioni!
Molto spesso immaginiamo gli scenari più catastrofici per esempio: ” ho fatto e detto qualcosa di male” oppure “tutti mi rifiutano”.
Valutate con attenzione il vostro stato d’animo riguardo ad una situazione e chiedetevi: perche’ mi succedono sempre le stesse cose? Cosa non ho risolto dentro di me?

3)      Rispettate voi stessi e gli altri!
Qui ci sarebbe da scrivere un libro, ma per questioni puramente logistiche vi dò un consiglio lampo, solo quando rispettiamo noi stessi possiamo rispettare gli altri, quando fai il male a qualcuno lo fai a te stesso, riflettere prima di agire e di parlare  con impulsività, perchè le parole feriscono come coltelli!


4)      Accettate voi stessi così come siete, e fate lo stesso con gli altri
Difficile vero! Ma questa è la strada verso l’amore, ognuno ha la sua individualità e non la vuole cambiare! Certo è che se abbiamo dei problemi relazionali iniziamo prima da noi! Se noi miglioriamo, guardiamo tutto e tutti con gli occhi dell’amore e otteniamo dei risultati diversi!
Ricordatevi che l’altro non cambia finchè non sarà lui a decidere e questo potrebbe non succedere mai, allora cosa vogliamo fare?

5)      Perdonate voi stessi e gli altri
Questo è il passo più difficile è per questo che l'ho lasciato per ultimo, il perdono è una trasformazione, un’alchimia, bisogna lavorarci a lungo per ottenere i risultati, certo è che il perdono è l’unico modo per guarire in maniera quasi definitiva dalle ferite emozionali. Purtroppo tutti noi ci portiamo dentro degli eventi dolorosi difficili da perdonare, ma forse tutte le persone coinvolte hanno fatto solo del proprio meglio (compresi voi) ma non sono riusciti a "lasciare andare", il consiglio è quello di essere almeno disposti a farlo un giorno;
questo ci libera dal covare il risentimento che è la matrice di molti mali sia fisici che psicologici.


   Adesso siete pronti per vivere un’estate meravigliosa? La meritate, andate nel mondo portando tutto l’amore di cui siete capaci, il pianeta ha bisogno di voi!  Tutti noi possiamo fare la differenza!


Sabina Nobili

Nessun commento:

Posta un commento